Battaglia navale con i Lego per insegnare agli studenti le tabelline

Pubblicato in data 27 gennaio 2016 su Scuola e Tecnologia

Ho trovato molto interessante l’idea di quella mamma che per insegnare la chimica ai propri figli ha utilizzato uno dei loro giochi preferiti, ovvero “Battaglia navale”, sostituendo il classico tabellone con la tavola periodica degli elementi (qui il link per saperne di più).

L’idea mi è piaciuta per diverse ragioni, la prima è stata la creatività. Non sempre nell’ambito della didattica si riesce e/o si intendono sperimentare nuove forme di insegnamento. L’altro motivo è stato per il fatto che questo genitore si è calato nel ruolo di figlio ed ha scelto quello che più piaceva a lui. Fin troppo spesso le parole apprendimento e divertimento appaiono lontane, ma credo che ciò debba cambiare!

Fin dai primi mesi di vita è proprio attraverso il gioco che il bambino può esplorare il mondo intorno a sé mettendo in campo un ampio spettro di abilità (sensoriali, motorie, cognitive, affettive, espressive, sociali, etc…).

A partire dalla didattica in aula fino alla formazione aziendale (vedi il gamification) si sta pian piano riscoprendo il valore del gioco e come questo faciliti la motivazione nonché i processi di apprendimento. Il gioco in questo contesto diviene elemento ed attività fondamentale per lo sviluppo della personalità di ogni essere umano.

Calando l’idea di mamma Karyn Tripp, ai problemi di casa nostra, ho pensato di replicare il gioco utilizzando come “tabellone” per il piano orizzontale quello delle tabelline unito però anche ai pezzi della Lego.

lego_battaglia navale

Come piano verticale possiamo utilizzare invece una base della Lego a cui avremmo inserito sia nella parte orizzontale in alto che nella parte laterale sinistra, gli stessi simboli della Lego utilizzati per il tabellone precedente.

lego_battaglia navale copia

Sempre sul piano verticale possiamo quindi posizionare i mattoncini Lego come navi della nostra flotta.

lego-bricks-large

Il gioco funzionerà come nel classico “Battaglia navale” chiamando le coordinate. In questo caso però non useremo il termine A-5 o B-8 ma diremo 3X3. Sì perchè diversamente dalla Battaglia navale classica o quella con la tavola periodica degli elementi, in questa delle tabelline ci troveremo ad avere alcuni risultati uguali. Ad esempio non si potrà semplicemente chiamare il 12 poiché esso sarà il risultato sia del 4X3 che del 3X4 (posizionati pertanto su righe e colonne diverse). Sarà importante quindi esplicitare la moltiplicazione e poi darne il risultato.

Se portato in classe questo gioco permetterà ai nostri alunni di divertirsi e nello stesso tempo di imparare a memoria le tabelline senza nemmeno accorgersene!

Piaget e Bruner individuano la scuola come luogo privilegiato di introduzione del bambino nel mondo della conoscenza, luogo di apprendimento nonché laboratorio per la conquista della razionalità, e se ciò è vero tanto più lo è la possibilità per le insegnanti di movimentare le energie cognitive ed affettive dei loro alunni al fine di ottenere il miglior processo di apprendimento nelle varie attività proposte.

Francesca Lazzari

Annunci

One thought on “Battaglia navale con i Lego per insegnare agli studenti le tabelline

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...